johncoltraneafroblueimpressions532663

Torna in doppio cd con succosi bonus track un monumento della già poderosa discografia di John Coltrane: Afro Blue Impressions esce postumo per la prima volta nel 1973 su doppio long playing e già allora si grida al miracolo per la bellezza di un concerto berlinese che viene immortalato su vinile, a cominciare dalla versione del cavallo di battaglia My Favorite Things che occupa un’intera facciata del vinile, ben 21 minuti contro i sette dell’originale incisa in studio: segno che ‘Trane’ non ripeteva mai un brano alla stessa maniera, anzi ciascun pezzo di un repertorio consolidato è per lui l’impegnativo pretesto per l’incessante ricerca sulle potenzialità garantite dall’improvvisazione tonale, talvolta mescolata alla più classica variazione sul tema. E da lì a un paio d’anni, dopo il concept A Love Supreme, la svolta free con Ascension andrà ancora più in là nel percorso della sperimentazione. Dunque a Berlino il 2 novembre 1963 con quello che la storia del jazz forse ricorderà come il maggior quartetto di ogni tempo – il leader ai sax tenore e soprano, McCoy Tyner al pianoforte, Jimmy Garrison al contrabbasso ed Elvin Jones alla batteria – si dà vita a un set di circa settanta minuti, in cui si susseguono i brani-chiave degli studio album sia Impulse sia Atlantic, con sette lunghe improvvisazioni, nell’ordine concertistico di Lonnie’s Lament, Naima, Chasin’ The Trane, la citata My Favorite Things, Afro Blue, Cousin Mary, I Want To Talk About You, più Spiritual e Impression tratte dal precedente concerto di Stoccolma (22 ottobre 1963); e non caso i Bonus riguardano differenti versioni di Naima, I Want To Talk About You, My Favorite Things (‘solo’ 14 minuti) sempre dalla performance svedese. Che cosa aggiungere di nuovo attorno a un disco pluriosannato? Anche su CD (Pablo Records) e a distanza di quarant’anni dalla prima pubblicazione non solo resta un documento fondamentale per comprendere e apprezzare la creatività istantanea di un genio del jazz, ma rimane pure tra i migliori dischi live di sempre, al di là di generi o categorie.

Annunci